Logo Maruni

Maruni

738-0512 Japan 24 Shirasago Yuki-cho Saeki-ku Hiroshima-shi Hiroshima
()
  +81 829 40 5108
  +81 829 40 5138
  sito web
INFORMAZIONI SU Maruni

Da strutture edilizie come templi buddisti e shintoisti, attraverso abitazioni private agli strumenti che usiamo nella nostra vita quotidiana, il Giappone Ŕ una nazione che ha coltivato per molti secoli tradizioni basate sul legno che occupano un posto importante nella nostra vita quotidiana. Takeo Yamanaka, il fondatore di Maruni, ha trascorso la sua infanzia a Miyajima nella Prefettura di Hiroshima, un luogo che ha un ricco patrimonio di mestieri tradizionali basate sull'utilizzo del legno. Era sempre stato affascinato dalle proprietÓ misteriose di legno e il modo in cui, come materiale, Ŕ in grado di cambiare forma a piacimento quasi come il trucco di un prestigiatore. Yamanaka finalmente Ŕ andato all'universitÓ, dove si Ŕ specializzato in ingegneria meccanica e divenne entusiasmo preoccupato con l'idea di applicare i fondamenti teorici che aveva acquisito al legno come materiale. Ha imparato la lingua tedesca da lui stesso e lesse avidamente attraverso la letteratura tecnica in materia di origine in Europa. Dopo la laurea ha fondato l'Istituto di ricerca Yamanaka insieme a cinque altri specialisti mestieri. Questo ha segnato il punto di partenza per Maruni industria del legno.
Il precursore di Maruni Wood Industry era Showa Mageki Kojo (Showa legno curvato di fabbrica). Fondata nel 1928, questa azienda ha stabilito la tecnica del legno curvato di lavoro che Ŕ stato considerato estremamente difficile al momento. Il nome della societÓ Ŕ stato cambiato in Maruni Wood Industry, Inc. nel 1933, dopo che la societÓ ha circa realizzare l'applicazione industriale delle abilitÓ artigianali nella distinzione ai metodi giapponesi tradizionali di produzione di mobili, che era rimasta fino ad allora saldamente radicata nel campo dei prodotti artigianali. Questa era dunque una delle prime aziende giapponesi a mirare a creare e mobili di massa che producono sulla base di una divisione del lavoro e con il ricorso a metodi che non comportava affidamento sulle capacitÓ manuale degli artigiani.